Lupus ovium non curat numerum.(Virgilio-Eneide-VII, 51)

giovedì 17 agosto 2017

Agosto 2017





Pieno agosto. Poca gente in città, caldo africano, un'enormità di negozi chiusi. Se non fosse per l'invasione di barbari diversamente pigmentati, che trasformano le nostre città in immensi e maleodoranti suk, parrebbe di essere ritornati indietro di trent'anni. I mitici anni '80; gli anni della Milano da bere, del tutto e subito, dello yuppismo, dei primi telefoni cellulari...i tempi in cui niente era impossibile. Quando praticamente non esistevano i disoccupati, a parte i fancazzisti storici, quando, con un poco di iniziativa ed un pizzico di fortuna, a nessuno era proibito il sogno, magari non proprio della ricchezza, ma almeno del benessere. Le radio passavano i Duran Duran e Sandy Marton, Ibiza era il sogno dei nottambuli, che poi magari si consolavano con Riccione o Rimini...le strade non erano ingombre di inutili e pacchiani SUV; la Golf GTI era il top, le Mini Clubman spopolavano nei ginecei. Le chiome phonate ed i pantaloni a zampa d'elefante avevano lasciato il posto alle spallotte imbottite ed ai calzoni con le pinces...trasformando chi non aveva avuto in sorte una statura da giocatore di basket in una action figure da manga giapponese...
Eravamo felici? Certo, felicissimi, si dice. Craxi, amato ed odiato leader politico, non aveva ancora conosciuto Di Pietro, il Berlusca iniziava la sua scalata ai vertici, Bossi era ancora una macchietta "celodurista", il Divo Giulio vigilava su tutto, dall'alto del suo incredibile potere.
Ma erano pure gli anni del maxiprocesso alle BR, delle stragi impunite, degli immensi, ben più di ora, sprechi di stato. Si iniziavano i lavori per il mondiale di calcio del 1990, un pozzo senza fondo che inghiottì cifre inimmaginabili; per la "ricostruzione" dell'Irpinia, devastata dal terremoto del 1980, De Mita e soci fecero stanziare, e poi sparire, centinaia di miliardi, mentre per l'egualmente terribile sisma del 1976 in Friuli non si cacciò una lira...
In politica, si diceva, governava il cosiddetto CAF ( Craxi-Andreotti-Forlani), almeno fino a quando il ciclone Mani Pulite travolse tutto e tutti. Tutti meno i compagnucci, ovvio. Mi hanno fatto sorridere, giorni fa, quelle dichiarazioni di un magistrato che ammise di aver avuto, allora, l'ordine, dall'alto, di non indagare sul PCI...ma va, non lo sapeva nessuno!!! E il compagno G? Primo Greganti? Non lo ricorda nessuno? Che memoria corta, compagnucci...
Pensare che si era "imbertato" un bel po' di denari...
Usati per il partito, ovvio. Loro sono retti, onesti, hanno le "mani pulite"...
Come quelli di Sesto S. Giovanni...o come chi, vivendo solo di politica, si permette una barca a vela da milioni...
Ma...tiremm innanz. È agosto, le spiagge, dicono, sono stracolme di umanità sudata e maleodorante; i commercianti, invece dei soliti piagnistei, stranamente si dichiarano quasi soddisfatti. Cosa più unica che rara. La disoccupazione cala, dicono, l'industria ricomincia a crescere. Ed allora, haters da Facebook, che avete da lamentarvi? Ah, è vero, c'è Trump. Il capro espiatorio di tutto l'occidente. Il cattivo da estirpare, a tutti i costi. Il nemico dei negri, dei messicani, e, soprattutto, degli osceni ed infami padroni del mondo, gli ebrei. Soros in testa. È di ieri la notizia degli scontri razziali a Charlottesville, nel profondo sud confederato degli States, tra "Suprematisti bianchi" e....tutti gli altri. Purtroppo con tragiche conseguenze. La stampa mondialista e terzomondista non attendeva altro...
Ma tralasciamo anche Trump. Ci sarebbero i problemi con Kim Jong Un, ma…per cortesia, non diamo eccessivo peso a quel ridicolo cicciobello...
Il problema più impellente dell'italica specie, è inutile negarlo, sono loro, i negri. Lo so, termine sbagliato, usato solo dai razzisti e dai fasssisti tanto cari ai miei compagnucci reggiani...si chiamano migranti, richiedenti asilo...fuggono dalle guerre, poverini. Scusate, che guerre? Quelle che ci sono in Costa d'Avorio, paese tra i più prosperi dell'Africa, con una situazione politica stabile da almeno un decennio? O quelle della Nigeria, il più ricco, dati ONU, dei paesi africani? Eppure, statistiche alla mano, questi sono i due paesi più rappresentati, tra i cosiddetti migranti...
L'altro paese "teoricamente" più rappresentato è la Siria, e qui fatemi aprire un capitolo a parte. La Siria di Bashir El Assad è (era) uno dei paesi più occidentalizzati del Medio Oriente. Sufficientemente ricco, governato sì con il pugno di ferro, ma in cui c'era ordine, disciplina, rigore. Come nella Libia di Gheddafi. Poi, il presidente amerinegro ha deciso che Assad era cattivo. E si sa, quello che diceva lui era legge. Anche se si rivelasse poi un’immonda cazzata, tipo quella delle armi segrete di Saddam Hussein inventate da ubriacone Bush. E poi Assad era amico di Putin, cavolo. Quello sì, un vero leader. Tosto, duro, amatissimo dal suo popolo...quindi, si fa la guerra ad Assad. Ma non in modo manifesto, giammai, loro sono democratici. Si finanziano i terroristi di Al Qaeda, sì, proprio quelli dell'ex pericolo pubblico numero uno Osama Bin Laden, e poi, se non basta, pure l'Isis. Che importa se poi usano quei denari per fare attentati in mezza Europa? Tanto in USA non ci arrivano, loro hanno il Patriot Act, un insieme di leggi e norme così illiberali che nemmeno Hitler si era mai sognato di scrivere. Ma loro possono, l'ha detto il negro. Quindi, si diceva, guerra alla Siria. Come l'abbiano ridotta, si vede tutti i giorni nei tg. Un cumulo di macerie, milioni di morti tra i civili, quelli che riescono fuggono, loro sì, dalla guerra. Ma la colpa è delle milizie di Assad, e, in seconda battuta, di Putin. Lui sì che è cattivo, mica l'amerinegro, lui ha addirittura vinto il Nobel per la pace...alla pari del terrorista Arafat e dell'assassino ebreo Simon Perez. Le bombe di Putin sono cattive, uccidono i civili inermi, solo bambini secondo i tg occidentali; quelle USA invece sono buone, gentili, sterminano solo i brutti cattivi, quelli che non amano hamburger e Coca Cola, e, ultima arma di distruzione di massa scoperta dalla efficientissima CIA, manco si lavano i piedi!!
Quindi i siriani, poveracci, che devono fare? Semplice, vengono in Italia. Tanto, qui, raccogliamo merda da ogni dove. Dunque, quindi, fatemi ricordare un po' di geografia. Dalla Siria, per arrivare qui... beh, ovvio, passano dalla Turchia, la via più logica e breve. Ah, no, in Turchia c'è Erdogan, altro cattivone, che non li lascia passare, lui è molto cattivo, quasi più di Assad. Andare a Sud....no, c'è Israele, figuratevi, loro sono democratici, c'è sempre il rischio Sabra El Chatila...Ecco scoperto come fare. Ti imbarchi, fai 5000-6000 miglia verso ovest, poi sud ovest, e vai in Libia. E non contestate, lo so, l'Italia è a nord est, ma…quisquilie e pinzillacchere, diceva il Principe De Curtis. Tanto, arrivati lì, si fa una telefonatina a qualche ONG amica di Buzzi o di Bersani, et voilà, sei in Italia. Scortato pure dalla Marina Militare Italiana. Se sei fortunato, poi, vieni ricevuto da quella vac...ehm, dalla sboldrina, o da papa imbroglio, mostri la foto di qualche moccioso piangente a caso, e sei sulle prima pagine di Repubblica, poi vai ospite da Barbara D'Urso, il cattocomunista Jovanotti o il fintoeternosempregiovanebolscevico Morandi fanno una canzone per te, ed in men che non si dica sei parlamentare. Tanto, se ad un potenziale assassino come Carlo Giuliani abbiamo dedicato una sala del Senato, che male c'è ad accettare in parlamento un baluba? Uno più, uno meno...
Ma....non è così facile. C'è un prezzo da pagare. Prima devi renderti disponibile, magari fare il cameriere insieme al pensionato rinco alla festa dell'unità, o raccontare dal palco la tua lacrimevole storia intervistato da Saviano...cosa dici? Non sai parlare italiano? Tranquilli, nemmeno chi frequenta le feste dell'unità è in grado di farlo. E poi, visto che ci deve essere già l'interprete per capire le stronzate terrone di Saviano...
Ma alla fine, grazie allo Ius Soli, potrai portare qui tutta la tua famiglia. Ovviamente hai quattro mogli e trentacinque figli, da bravo muslim. Ma....no problem, qui siamo ricchi. Mal che vada tagliano le pensioni a qualche sfigato di italiano che ha lavorato per quarant'anni...così impara ad essere razzista. Magari ti daranno pure una bella casetta nuova, di quelle promesse ai terremotati di Amatrice, tanto, a loro che servono? Hanno pure il sindaco di destra, quei cialtroni!! Potrai immergerti nella cultura millenaria italiana, quella rappresentata da un ministro dell'istruzione semianalfabeta, mandare i tuoi figli alla scuola pubblica. Non insegnano ancora il Corano? Dai tempo al tempo...Ti urta la Chiesa del '400 davanti casa? No problem, chiedi ad imbroglio, vedrai che un bel centro etnico multiculturale con moschea riuscirà a farlo costruire, con i soldi dello stato italiano, ovvio, quelli del Vaticano servono per andare in pellegrinaggio da Maduro o Castro, magari gli regalano qualche altro crocefisso fatto a falce e martello! Lo so, c'è il problema TV. Ti tocca vedere tagliatella Clerici, le sue tettone lattee ed i suoi improponibili doppi sensi, se caschi male pure Gigi D'Alessio, ma tranquillo. La Rai ha annunciato le novità per settembre. Si rivoluziona tutto, spazio alle novità. Celentano(79), Morandi(73), Arbore(81).E peccato che Gino Latilla abbia rifiutato...o è morto? Booohh!
Miss Italia non si farà più, tranquillo. Non vorremmo offendere la tua cultura. Al loro posto, un'edizione speciale, tutte in chador, stanno già contattando la nettezza urbana per recuperare i sacchi neri. Verranno elaborati e ridisegnati da Frocio e Gabbana, con loro vai tranquillo, le forme non si vedranno, almeno di sorprese…anteriori. Presenterà Vladimir Luxuria. Ah, cavolo, è vero, voi i gay li gettate dai palazzi...beh, almeno una cosa buona la fate!!
Si scherzava, ovvio. Voi che dite? Che la sboldrina mi denuncerà? Echissenefrega lo vogliamo dire? Che papa imbroglio mi scomunicherà? Tanto mica è lui il mio Pontefice. Lo farà la comunità gay? Che paura, mi trema tutta la sottoveste…
Il problema è serio, ahinoi. Molto serio, ma qui, in questa nazione diventata di pappamolle, purtroppo, tutto si affronta in modo poco serio. Ed i risultati si vedono. Ora, da qualche giorno gli sbarchi sono calati, grazie, dicono, agli accordi, anzi, all’estorsione del governo libico. Embè? E quando i baluba libici avranno finito i soldi? Ne vorranno altri. E cosa si farà? Glieli torneremo a dare? Certo, almeno fino alle elezioni…più o meno come gli 80 euro. Tanto, come si diceva sopra, si taglierà qualche altro servizio agli italiani. La reversibilità, lo stanno già facendo.
La cosa che più fa incazzare è che, se parli con chiunque, ti dice che non ne può più, che gli immigrati delinquono, spacciano, rubano, disturbano…e poi, nell’urna continueranno a votare PD. Perché sono tutti uguali, fanfaroneggiano. Manica di idioti. Qui a Peggio Emilia, poi, è l’apoteosi. Qui c’è il mito del partigiano, si vota comunista perché lo faceva il nonno, il papà, il marito, il cugino scemo, tutti…qui si va al Circolo Arci, a far spesa alla Coop, alla festa dell’unità…e temo che non cambierà nulla, ancora per anni. Il reggiano è attaccato alle tradizioni, a tutte. Mangia i cappelletti, i tortelli, l’erbazzone, e vota comunista. Non c’è verso di cambiare. Pessimista? Forse, ma non vedo “…la luce in fondo al tunnel…”.
Una cosa è certa. Le alternative politiche non è che siano poi un gran che. Il Puffo Puttaniere ormai delira, Salvini è un ex comunista rifatto, i cinque stalle hanno dimostrato la loro totale incapacità, e la destra? Frammentata in centinaia di gruppuscoli che si contendono lo 0,000005 dei voti insultandosi l’uno con l’altro. E poi, scusate, ma i leader chi sarebbero? La Meloni? La Russa? Fiore, Iannone, ma per cortesia…tutti pronti a vendersi per dieci voti in più.
 “La politica è una missione, non un mestiere a scopo di lucro”  
Chi l’ha detto? Un illuso o un saggio?
“…ai posteri l’ardua sentenza…” (A.Manzoni)
Il loupgarou


Lettori fissi

Loading...

Cerca nel blog